Home chi e dove news agenda documenti rassegna stampa links

 

Spiagge e Fondali Puliti

 

Il decalogo di Spiagge e fondali puliti

1 - non usare le spiagge come discariche

2 - non lasciare mozziconi di sigaretta

3 - non gettare sacchetti di plastica che potrebbero uccidere molte specie

4 -  la spiaggia è di tutti: limita e contrasta i rumori

5 - non usare shampoo e bagnoschiuma in spiaggia

6 - non raccogliere stelle marine cavallucci e coralli

7 - rispetta gli habitat naturali di spiagge e fondali

8 - osserva sempre i divieti di navigazione a motore

9 - osserva la spiaggia dopo la marea per capire i segreti del mare

10 - segnala gli scarichi abusivi alla capitaneria di porto o al numero verde 800 253608

 

 

 

I tempi medi di degrado di rifiuti gettati in mare

cotton-fioc

da 20 a 30 anni

bottiglie di vetro

1000 anni

fazzolettino di carta

3 mesi

polistirolo

1000 anni

fiammifero

6 mesi

bottiglie di plastica

mai completamente

mozzicone di sigaretta

da 1 a 5 anni

Gomma da masticare

5 anni

buste di plastica

da 10 a 20 anni

Buccia di frutta

1 mese

prodotti di nylon

da 30 a 40 anni

Torsolo di mela

da 3 mesi a 6 mesi

lattine di alluminio

500 anni

Accendino di plastica

da 100 a 1.000 anni

 

Intere famiglie, singoli cittadini, scuole, istituzioni, associazioni, ogni anno - da sedici anni - si danno appuntamento al mare nell'ultimo week-end di maggio tutti d'accordo su un fatto: non è assolutamente tollerabile che le nostre belle spiagge e il mare siano considerati alla stregua di un'immensa discarica a cielo aperto dove gettare indifferentemente dalle cicche delle sigarette ai vecchi sanitari! Lo scorso anno questo piccolo e pacifico esercito di volontari insieme ai circoli di Legambiente ha ripulito oltre 270 località delle nostre coste da ogni sorta di schifezza. Anche lungo le sponde dei laghi e gli argini dei fiumi c'è stato un bel da fare. Munirsi di guanti e sacchi della spazzatura e sacrificare una domenica di ozio per raccogliere rifiuti abbandonati, è uno schiaffo morale e una lezione di civiltà a tutti coloro che si ostinano ancora a lasciare in spiaggia i resti del pic-nic piuttosto che bottiglie di plastica o lattine. Soprattutto è un grande gesto d'amore e di rispetto per il proprio territorio e un buon esempio per i cittadini di domani. Il messaggio di Spiagge e Fondali Puliti arriva forte e chiaro a tutti coloro che insistono nell'osservare comportamenti incivili: il mare ci piace pulito, splendente della sua originaria bellezza. I cittadini sono tenuti a rispettare il territorio, le istituzioni sono chiamate ad esercitare con serietà il loro lavoro. Questi gli obbiettivi dell'iniziativa a cui tutti possono partecipare attivamente. Dobbiamo essere in tanti, tantissimi, sempre di più. Partecipate, portate i vostri bambini, uniamo le nostre forze per correggere abitudini incivili e segnalare la colpevole latitanza di alcune amministrazioni! Per qualsiasi ulteriore informazione mettetevi in contatto con noi.

 

 

 

 

horizontal rule

Edizione 2021

 

 

 

TRIESTEPRIMA.it - DOMENICA, 16 maggio 2021

Boe, reti per i mitili e un "mare" di plastica: Legambiente ripulisce la spiaggia di Canovella   -    vedi articolo
L'operazione è stata condotta assieme ai volontari di Trieste Altruista. A fine aprile sulla stessa spiaggia sono stati censiti ben 1.046 rifiuti. Il problema dell'allevamento di mitili

 

IL PICCOLO - DOMENICA, 16 maggio 2021

Bottiglie, pezzi di reti, lattine e anche mascherine: oltre mille rifiuti raccolti sulla spiaggia di Canovella - (vedi articolo)

I volontari di Legambiente e Trieste Altruista in azione su cento metri seguendo gli standard europei. "Da pianificare una pulizia del fondale"

 

 

 

COMUNICATO STAMPA - SABATO, 15 maggio 2021

Spiagge e Fondali Puliti 2021 di Legambiente:
centinaia di azioni di pulizia dal 14 al 16 maggio in tutta Italia, e anche in Friuli Venezia Giulia. I volontari hanno raccolto rifiuti di ogni genere sulla spiaggia di Canovella de' Zoppoli (Comune di Duino Aurisina).
 

In seguito al monitoraggio “Beach Litter” svolto da Legambiente a fine aprile su 47 spiagge italiane, è stata trovata una media di 783 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia.
A Canovella sono stati censiti ben 1.046 rifiuti, in gran parte di plastica: soprattutto pezzi di reti per la coltivazione dei mitili, frammenti di plastica e polistirolo, bottiglie, bicchieri e contenitori di plastica, tappi e coperchi, bastoncini del cotton fioc.


L'indagine di Legambiente è una delle più importanti azioni a livello internazionale di citizen science, cioè il risultato di un monitoraggio eseguito direttamente dai circoli di Legambiente, da volontari e cittadini, che ogni anno setacciano le spiagge italiane contando i rifiuti presenti, secondo un protocollo scientifico comune e riconosciuto anche dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, cui ogni anno sono trasmessi i dati dell'indagine per completare il quadro a livello europeo.
I rifiuti censiti da Legambiente sono di ogni forma e tipo, per lo più usa e getta, legati principalmente agli imballaggi, al consumo di cibo e ai rifiuti da fumo: dalle bottiglie ai contenitori e tappi di plastica, dai mozziconi di sigaretta ai calcinacci e ai frammenti di vetro, per arrivare a dischetti, guanti e mascherine. La plastica resta il materiale più trovato dei rifiuti spiaggiati. Su circa un terzo delle spiagge campionate, la percentuale di plastica eguaglia o supera il 90% del totale dei rifiuti monitorati, mentre nel 72% dei lidi monitorati sono stati rinvenuti guanti usa e getta, mascherine o altri oggetti riconducibili all'emergenza sanitaria Covid-19. In particolare le mascherine sono state rinvenute sul 68% delle spiagge monitorate, i guanti usa e getta sul 26%.


L’inquinamento da plastica in mare e sulle spiagge resta, insieme all’emergenza climatica, l'altra grande questione ambientale e mondiale da affrontare con interventi e politiche mirate e quasi la metà dei rifiuti spiaggiati monitorati sono proprio i prodotti al centro della direttiva europea sulla plastica monouso, ossia prodotti usa e getta, dalle bottiglie di plastica alle stoviglie, dai mozziconi di sigaretta ai cotton fioc, solo per citarne alcuni. Per questo Legambiente chiede a gran voce che l’Italia emani entro il 3 luglio 2021 il decreto legislativo di recepimento della direttiva europea pensata per bandire e ridurre la produzione e commercializzazione di alcuni prodotti di plastica monouso su tutto il territorio nazionale.


Il 42,3% del totale dei rifiuti monitorati da Legambiente è costituito da quei prodotti usa e getta al centro della diretta europea, detta anche SUP (Single Use Plastics), che prevede a riguardo misure specifiche. Per le bottiglie e i contenitori di plastica, inclusi i tappi (e anelli)– ne sono stati trovati oltre 5000 sulle spiagge monitorate da Legambiente - è stato proposto l’obiettivo di raccolta del 90% al 2025 e si dovrà riciclare almeno il 90% delle bottiglie per bevande entro il 2029, con un target intermedio del 77% al 2025.


Per prevenire, sensibilizzare e informare le amministrazioni e cittadini, incoraggiando una corretta gestione dei rifiuti e una partecipazione attiva, Legambiente organizza la campagna Spiagge e fondali puliti, che coinvolge migliaia di volontari che ogni anno raccolgono dati scientifici sul beach litter e si attivano per ripulire le spiagge.
Sabato 15 maggio i volontari di Legambiente Trieste, con l'aiuto di Trieste Altruista, hanno raccolto numerosi sacchi di rifiuti spiaggiati o abbandonati lungo la spiaggia di Canovella de'Zoppoli, in comune di Duino Aurisina. C'era di tutto, boe e reti per l'allevamento dei mitili, cannucce, bottiglie, mascherine, polistirolo, ma soprattutto molta plastica, in pezzetti piccoli e grandi. Rispetto agli anni passati, comunque, i rifiuti non erano molto numerosi e i volontari li hanno recuperati tutti in poco più di due ore.
 

VEDI FOTO

 

 

 

horizontal rule

Edizione 2019

 

 

 

 

IL PICCOLO - DOMENICA, 26 maggio 2019

I volontari ripuliscono Canovella alla "vigilia" della stagione estiva - L'ANNUALE INIZIATIVA DI LEGAMBIENTE (vedi articolo)

DUINO AURISINA. Dieci sacchi pieni di immondizie raccolti in poco più di un'ora. Una trentina di volontari che fanno riferimento al Circolo Verdeazzurro Legambiente Trieste ha rimosso ieri mattina i rifiuti dalla spiaggia di Canovella de 'Zoppoli nell'ambito di un'operazione a sfondo ecologista promossa in tutta Italia e all'estero con l'obiettivo di pulire i litorali prima dell'avvio della stagione estiva.

 

COMUNICATO STAMPA - SABATO, 25 maggio 2019

Canovella de' Zoppoli: effettuata la pulizia della spiaggia con Legambiente
Anche quest’anno, dopo il monitoraggio "Beach Litter” effettuato in aprile da Legambiente, in occasione della giornata nazionale “Spiagge pulite”, il circolo Verdeazzurro LEGAMBIENTE Trieste ha organizzato la raccolta dei rifiuti sulla spiaggia di Canovella de’ Zoppoli, nel comune di Duino Aurisina.  Alla manifestazione hanno partecipato una trentina di volontari provenienti anche da altre realtà associative quali: Trieste Altruista, SOS Carso, Beach Clean Up.  In poco più di un'ora sono stati raccolti una decina di sacchi di immondizie costituite principalmente da pezzi di polistirolo, tappi e bottiglie di plastica e molti frammenti di "reste" ovvero reti di plastica utilizzate per l'allevamento delle cozze.

VEDI FOTO

 

horizontal rule

Edizione 2018

 

 

COMUNICATO STAMPA - DOMENICA, 27 maggio 2018

Spiagge e Fondali Puliti 2018 di Legambiente : centinaia di azioni di pulizia dal 25 al 27 maggio in tutta Italia e anche in Friuli Venezia Giulia.

I volontari hanno raccolto rifiuti di ogni genere sulla spiaggia di Canovella de' Zoppoli (Comune di Duino Aurisina).

 

 

horizontal rule

Edizione 2017

 

 

Spiagge e Fondali Puliti - Clean up the Med di Legambiente : oltre 300 azioni di pulizia dal 26 al 28 maggio in tutta Italia e nel Mediterraneo, e anche in Friuli Venezia Giulia.

Sabato 27 maggio oltre trenta volontari hanno raccolto rifIuti di ogni genere sulla spiaggia di Canovella de' Zoppoli (Comune di Duino Aurisina).

horizontal rule

Edizione 2016

Moltissimi volontari hanno partecipato alla campagna SPIAGGE PULITE organizzata dal nostro circolo alla spiaggia di Cannovella de' Zoppoli nel comune di Duino-Aurisina. Sono stati raccolti parecchi sacchi di rifiuti costituiti in gran parte dalle reti di plastica (calze) utilizzate dai miticoltori. (vedi foto)

horizontal rule

Edizione 2015

Una splendida domenica di sole ha favorito il lavoro dei volontari che hanno aderito alla manifestazione "Spiagge e Fondali puliti" organizzata da Legambiente. Alcuni soci del Circolo Verdeazzurro assieme a numerosi cittadini si sono prodigati nella raccolta dei rifiuti sparsi sulla spiaggia presso il porticciolo di Canovella de' Zoppoli. Sono stati riempiti molti sacchi di immondizie che sono poi stati trasportati a mano fino al livello della strada costiera per il successivo recupero da parte dei mezzi dell'Acegas.  (vedi foto)

horizontal rule

Edizione 2008

con il patrocinio del Comune di Duino Aurisina

 

Sole e caldo hanno favorito il lavoro dei volontari che, sabato 24 maggio, hanno aderito alla manifestazione "Spiagge e Fondali puliti" organizzata da Legambiente e patrocinata dal Comune di Duino Aurisina. I soci del Circolo Verdeazzurro, assieme al personale della Protezione Civile, hanno coordinato il lavoro di numerosi alunni della scuola media "Igo Gruden" di Aurisina che, accompagnati dalla prof.ssa Franceschini, si sono prodigati nella raccolta differenziata dei numerosi rifiuti sparsi sulla spiaggia presso il porticciolo di Canovella de' Zoppoli. Sono stati riempiti molti sacchi di immondizie che sono poi stati trasportati con una barca fino al porto di Sistiana per il successivo recupero da parte dei mezzi dell'Acegas.

 

da sinistra: Bruno Giorgolo, Alenka Franceschini, gli alunni della scuola GrudenAldo Strati (in piedi) con Lino Santoro (seduto)

 

horizontal rule

Edizione 2006

con il patrocinio del Comune di Muggia

 

Si e' svolta sabato 27 maggio la manifestazione "Spiagge e Fondali puliti" organizzata da Legambiente e patrocinata dal Comune di Muggia. I volontari del Circolo Verdeazzurro insieme a quelli del Circolo Arcobaleno hanno ripulito la spiaggia del Lazzaretto a Muggia e la scogliera di Punta Sottile. La partecipazione e' stata buona e sono stati riempiti numerosi sacchi di immondizie. Legambiente ha scelto questa parte di litorale anche per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica sul rischio derivante da alcuni progetti che prevedono di cementificare la zona per costruirvi un comprensorio turistico

 

Paolo Privitera